Lunedì 14 Ottobre 2019 - 00:35
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca Finale Emilia: Arpae non esegue controlli dopo l'incendio di ieri alla Ecoblocks

Finale Emilia: Arpae non esegue controlli dopo l'incendio di ieri alla Ecoblocks

Forti (Arpae): "La durata ed il tipo di materiale bruciato hanno emesso volumi di fumi relativamente bassi"

Lascia un commento | Tempo di lettura 115 secondi Modena - 18 Jun 2019 - 10:37

Timore ieri pomeriggio a Finale Emilia per un nuovo incendio alla Ecoblocks. A bruciare due filtri che servono per abbattere le polveri derivanti dalle lavorazioni. Le fiamme sono state subito domate dal sistema antincendio dell’azienda. Nonostante la densa colonna di fumo nero Arpae non ha eseguito alcuna rilevazione sul sito.

“Quando siamo arrivati, intorno alle 20, l’incendio era già spento – ha detto il direttore di Arpae Modena Stefano Forti intervistato da Chiara Tassi- Nel giro di poco più di un’ora, infatti, la squadra antincendio della ditta era riuscito a domarlo, quindi abbiamo preso atto di un evento già concluso. Non abbiamo ritenuto di attivare monitoraggi esterni perché, nonostante la colonna di fumo nero ben visibile, la durata ed il tipo di materiale che ha preso fuoco si ritiene abbia emesso volumi di fumi relativamente bassi. Le normali capacità dell’atmosfera di disperdere i fumi hanno fatto quindi si che si possa ritenere che nei dintorni della Ecoblocks non ci siano state ricadute significative. Abbiamo anche verificato che le acque utilizzate per spegnere l’incendio non si siano riversate nelle fognature esterne o nei canali intorno alla ditta. Correttamente sono state tutte raccolte all’interno della cosiddetta vasca di prima pioggia e verranno poi smaltite come rifiuti”.

Che cosa è bruciato?

“Quello che ha preso fuoco sono stati due filtri depolveratori che servono per separare le particelle polverose di legno dall’aria che poi viene emessa dai camini. Ciò che è bruciato è polvere di legno e il tessuto con cui sono fatte le maniche di questi filtri”.

Quindi nonostante il fumo nero che ha destato allarme nelle popolazione si può stare tranquilli?

Il denso fumo nero è determinata dal fatto che quando bruciano delle polveri di legno in maniera incontrollata e dei materiali filtranti, il fumo nero si vede…

Quindi nessuna ricaduta per la salute pubblica?

Anche i colleghi dell’Ausl, che sono stati informati, hanno condiviso di non attivare dei monitoraggi straordinari.

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
F1: Giappone; qualifiche slittano a domenica per tifone
11 Oct 2019 - 09:19
Nelle seconde libere Bottas davanti, 4° e 5° le Ferrari  ...

F1: nelle libere in Russia domina la Ferrari
28 Sep 2019 - 12:11
Leclerc davanti a Vettel ...

Calcio: chiusi gli abbonamenti al Modena
20 Sep 2019 - 08:42
Numeri di poco sotto a quelli dello scorso anno. Continua invece la campagna del Sassuolo ...

Volley: oggi iniziano gli Europei
12 Sep 2019 - 09:25
L'Italia in campo alle 17.15 ...

F1: Maranello in festa dopo la vittoria della Ferrari
02 Sep 2019 - 12:01
"E' stata una giornata assolutamente speciale" ha detto il sindaco Zironi ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy