Sabato 04 Aprile 2020 - 16:39
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca Dalla pensione alla corsia: la testimonianza del dottor Vanni Borghi

Dalla pensione alla corsia: la testimonianza del dottor Vanni Borghi

Era in pensione dal primo gennaio ma è tornato in servizio in maniera volontaria per aiutare i colleghi

Lascia un commento | Tempo di lettura 115 secondi Modena - 25 Mar 2020 - 16:42

Il dottor Vanni Borghi, infettivologo, è uno dei tre medici “riservisti”, che sono tornati in servizio in maniera volontaria e gratuita per aiutare i propri colleghi a gestire l’emergenza COVID19. Il dottor Borghi è in pensione dal 1° gennaio del 2020 ma nei giorni scorsi è tornato in servizio.

Dottor Borghi, lei è da poco andato in pensione. Era destino che non durasse molto

Quando si lavora con una grande squadra devi partecipare e non mollare, soprattutto in un momento di crisi. Sebbene non mancassi da molto, ho trovato un ambiente trasformato dalla malattia, dove l’organizzazione ha dovuto adattarsi a questa nuova realtà. Io mi sto occupando della logistica, dell’organizzazione, della clinica, insomma di tutti gli aspetti. Ho trovato una grande squadra. Infettivologi, pneumologi, chirurghi. Abbiamo creato un’equipe che lavora fianco a fianco senza paura, collaborando appieno. Di certo in una situazione del genere si creano legami profondi.

La sua prima impressione

Vi sono due aspetti davvero toccanti. Il primo è quello dei pazienti, che vivono una situazione difficile non solo la loro condizione clinica, ma anche psicologica, visto che questa patologia fa paura e ti isola dai tuoi affetti. L’altro aspetto, infatti, è quello delle famiglie separate dalla malattia, senza la possibilità di andare fisicamente in ospedale a trovare i propri cari ricoverati.

Un suo desiderio

Vorrei riuscire a lavorare a favore dei pazienti che seguiamo normalmente, in particolare quelli con epatite C e HIV (quasi 1500) che in questo momento soffrono il fatto che la struttura è tutta concentrata sul COVI19. Stiamo introducendo una serie di azioni per riprendere, anche se a ritmo ridotto, le normali attività ambulatoriali per le persone con infezione da HIV che devono eseguire gli esami e controllare le terapie.

 

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Il rugby si arrende al coronavirus
28 Mar 2020 - 10:13
Sospesa definitivamente la stagione sportiva ...

Uefa ufficializza il rinvio di Euro 2020
18 Mar 2020 - 13:43
Si giocherà il prossimo anno ...

F1: inizio del campionato rimandato a maggio
13 Mar 2020 - 16:39
Lo ha anticipato oggi la Bbc ...

Calcio: in forse il derby Reggiana-Modena di domenica prossima
06 Mar 2020 - 08:44
Calciatore granata sottoposto al test. Intanto è stop anche per il campionato dilettanti  ...

Calcio: la Lega Serie C ha comunicato il rinvio di tutta l'undicesima giornata di ritorno
02 Mar 2020 - 12:19
Salta anche il derby Modena-Carpi ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy