Sabato 04 Aprile 2020 - 17:31
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca Imprese che vogliono produrre mascherine: pronto il vademecum della Regione

Imprese che vogliono produrre mascherine: pronto il vademecum della Regione

Dovranno inviare un'autocertificazione all’Istituto Superiore di Sanità che risponderà entro due giorni

Lascia un commento | Tempo di lettura 156 secondi Modena - 25 Mar 2020 - 17:38

Un vademecum per supportare le imprese manifatturiere dell’Emilia-Romagna che vogliano produrre mascherine chirurgiche, in deroga alla normativa vigente come previsto dal Decreto del Governo “Cura Italia”. Il documento, frutto del coordinamento dell’assessore allo Sviluppo economico Vincenzo Colla con i colleghi della Sanità Raffaele Donini e della Protezione Civile Irene Priolo, è stato messo a punto da Arter per conto della Regione, e sarà a supporto delle imprese manifatturiere emiliano-romagnole interessate a produrre questi dispositivi.

Che cosa prevede il Decreto “Cura Italia”? Le aziende produttrici che intendano avvalersi della deroga dovranno inviare all’Istituto Superiore di Sanità, Iss, un’autocertificazione nella quale dichiarino le caratteristiche tecniche delle mascherine e che queste rispettino i requisiti di sicurezza della normativa vigente, così da poter avviare la produzione.

Entro tre giorni dalla autocertificazione le imprese dovranno trasmettere all’Iss ogni elemento utile per la validazione. L’Istituto si pronuncia entro i 2 giorni successivi e in caso di parere negativo il produttore deve cessare la produzione.

Ovviamente si tratta di una procedura molto controllata: le mascherine dovranno essere testate e risultare conformi allo standard EN 14683 e allo standard ISO 10993, e dovranno essere prodotte da un’azienda che abbia un sistema produttivo di qualità certificato. In Emilia-Romagna i laboratori in grado di testare e dichiarare la conformità di mascherine chirurgiche agli standard prima citati sono l’Università di Bologna e il Tecnopolo di Mirandola (Mo).  “In una situazione economica difficile per tante filiere del manifatturiero, la produzione di questi dispositivi – dichiara l’assessore allo Sviluppo economico e lavoro, Vincenzo Colla - può rappresentare un’opportunità con doppia valenza, sia sociale che economica. Con i laboratori e le competenze che abbiamo presso l’Università di Bologna e del Tecnopolo dedicato alla ricerca biomedicale riusciamo a dare un contributo concreto per realizzare prodotti necessari per la salute di operatori sanitari e cittadini”. L’Università di Bologna e il Tecnopolo del biomedicale di Mirandola hanno già definito una procedura interna per rispondere in modo tempestivo alle richieste delle imprese, compatibilmente con i tempi tecnici dei test.

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Il rugby si arrende al coronavirus
28 Mar 2020 - 10:13
Sospesa definitivamente la stagione sportiva ...

Uefa ufficializza il rinvio di Euro 2020
18 Mar 2020 - 13:43
Si giocherà il prossimo anno ...

F1: inizio del campionato rimandato a maggio
13 Mar 2020 - 16:39
Lo ha anticipato oggi la Bbc ...

Calcio: in forse il derby Reggiana-Modena di domenica prossima
06 Mar 2020 - 08:44
Calciatore granata sottoposto al test. Intanto è stop anche per il campionato dilettanti  ...

Calcio: la Lega Serie C ha comunicato il rinvio di tutta l'undicesima giornata di ritorno
02 Mar 2020 - 12:19
Salta anche il derby Modena-Carpi ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy