Martedì 16 Ottobre 2018 - 16:33
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca Stroke Unit: premio all’Ospedale Civile di Baggiovara

Stroke Unit: premio all’Ospedale Civile di Baggiovara

Primo riconoscimento del genere a un ospedale italiano

Lascia un commento | Tempo di lettura 270 secondi Modena - 04 May 2018 - 10:06

Importante riconoscimento per la Stroke Unit dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena Nel corso del Meeting Nazionale ISO ANGELS tenutosi a Roma il 13-14 aprile scorso, infatti, l’Ospedale Civile di Baggiovara è stato premiato, primo ospedale in Italia, con l’European Stroke Organization (ESO) Angels Awards che certifica gli alti livelli ottenuti, sia dal punto di vista dell’organizzazione, sia da quello della casistica e dei risultati nell’assistenza ai pazienti con ictus. L’ESO Angels Award è parte di un programma europeo di miglioramento della qualità di assistenza ai pazienti con ictus ed è inserito all’ interno del progetto internazionale denominato Angels (Acute Networks striving for Excellence in Stroke), cioè una rete di Stroke Unit che punta a costruire percorsi di eccellenza. A ricevere il premio è stato il dottor Andrea Zini, medico neurologo, responsabile della Stroke Unit della Struttura Complessa di Neurologia diretta dal prof. Paolo Frigio Nichelli.  Il Progetto Angels è promosso dall’European Stroke Organization (ESO), Italian Stroke Organization e World Stroke Organization, col fine di migliorare e standardizzare il trattamento dell’ictus ischemico acuto in Europa e, quindi, garantire un equo accesso ai trattamenti efficaci e tempestivi. L’obiettivo di Angels è costruire un network di eccellenza nella cura dell’ictus di 1500 ospedali “stroke-ready” in tutta Europa entro il 2019, aumentando il numero degli ospedali in grado di trattare l’ictus ed ottimizzando la qualità del trattamento in tutte le unità ictus attualmente esistenti. L’ESO Angels Award viene assegnato a quegli ospedali in grado di garantire un’alta qualità nell’assistenza all’ictus secondo i seguenti indicatori: percentuale di trombolisi endovenose e trombectomie meccaniche sul totale degli ictus ischemici, percentuale di pazienti trattati entro 45-60 minuti dall’arrivo in pronto soccorso, percentuale dei sospetti ictus sottoposti a TC o RM in urgenza, percentuale di pazienti dimessi con una terapia di prevenzione secondaria (antiaggregante o anticoagulante in caso di fibrillazione atriale), ricovero in Stroke Unit, screening della disfagia. Per gli ospedali che aderiscono al progetto il programma prevede ogni 3 mesi la valutazione dei dati di qualità dei 3 mesi precedenti inseriti nel registro europeo SITS-ISTR coordinato dal Karolinska Institute di Stoccolma e, se rispettosi di tutti questi indicatori di qualità, il riconoscimento dell’ESO Angels Award. “Oggi – ha spiegato il dottor Andrea Zini, responsabile della Stroke Unit - esistono 3 terapie della fase acuta dell’ictus. La prima è il ricovero in Stroke Unit, un reparto con letti e personale dedicato ai pazienti con ictus. La seconda terapia, disponibile da ormai 15 anni anche in Italia, è la trombolisi endovenosa,  con rtPA (Alteplase®), un farmaco trombolitico che ha lo scopo di sciogliere il grumo di sangue nel cervello che causa l’ictus ischemico ostruendo una arteria. Dal 2015 è stata dimostrata l’efficacia anche della terapia endovascolare in caso di occlusione di grossa arteria intracranica. La terapia endovascolare con trombectomia meccanica consiste, attraverso la puntura dell'arteria femorale all’inguine, nel portare un catetere nei vasi arteriosi del collo fino ad avanzare con un microcatetere selettivamente nel vaso occluso cerebrale. Si procede poi al recupero del coagulo ematico (=trombo) mediante trombectomia meccanica con l’utilizzo di specifici devices ("stentrievers”) e aspirazione, estraendo completamente il coagulo. Tutte le terapie acute dell’ictus ischemico devono essere somministrate il più precocemente possibile, in particolare la trombolisi con rtPA entro 4,5 ore dall’esordio dei sintomi, riducendo in maniera importante il rischio di morte e disabilità”. Il risultato è frutto di un lavoro multidisciplinare quotidiano in Stroke Unit (medici, infermieri, fisioterapisti, logopedisti) e della organizzazione di rete della nostra provincia che coinvolge 118, Dipartimento di Emergenza Urgenza, Dipartimento di Neuroscienze (Neurologia, Neuroradiologia, Neurochirurgia e Riabilitazione) dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena e dell’integrazione con l’AUSL (Stroke Unit di Carpi e Pavullo). La Stroke Unit di Modena è da 15 anni una realtà di eccellenza a livello nazionale, presso la quale sono state eseguite più di 1300 trombolisi e quasi 500 trombectomie meccaniche con la collaborazione della Struttura Complessa di Neuroradiologia diretta dal Dottor Stefano Vallone. Ospita frequentemente medici neurologi, infermieri, medici in formazione specialistica provenienti da tutta Italia. (comunicato stampa)

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Calcio: ultimi tre giorni di campagna abbonamenti
10 Sep 2018 - 09:54
Si chiude mercoledì. Oltre 5mila 200 quelli già sottoscritti ...

Calcio: grande festa ieri sera ai Giardini Ducali per il Modena
29 Aug 2018 - 10:53
Un migliaio i tifosi presenti. Anche Ferrario e Sansovini ...

Calcio: Gozzi torna in gialloblu
21 Aug 2018 - 09:21
La scorsa stagione ha giocato nella Pro Vercelli ...

Calcio: parte col botto il Sassuolo
20 Aug 2018 - 09:56
Il Modena in Coppa Italia potrebbe recuperare domenica prossima ...

Nuoto: Europei; 800 sl, Paltrinieri d'argento
08 Aug 2018 - 18:27
Olimpionico chiude alle spalle dell'ucraino Romanchuk ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy