Venerdì 06 Dec 2019 - 17:00
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca Incidenti sul lavoro, diminuisce la percentuale, ma aumentano quelli mortali

Incidenti sul lavoro, diminuisce la percentuale, ma aumentano quelli mortali

Formazione, Informazione, attenzione alla frammentazione dei cicli di lavoro. Il tema della sicurezza deve diventare una priorità assoluta

Lascia un commento | Tempo di lettura 211 secondi Modena - 08 Aug 2019 - 09:50

Cinque infortuni in tre giorni, con tre vittime e tre feriti gravi, sono inaccettabili in un Paese come il nostro e, ancor più, in una Regione sviluppata come la nostra” a dirlo Domenico Chiatto della segreteria Cisl Emilia Centrale. Il riferimento era  agli infortuni sul lavoro accaduti tra lunedì sera a Borgo Panigale (due operai travolti e uccisi da un tir mentre lavoravano sull’A14), mercoledì e giovedì a Modena (due operai caduti dal tetto), San Possidonio (l’addetto di una stalla incornato da un toro) e Ostellato (Ferrara) dove ieri un associato Movitrans ha perso la vita dopo essere caduto da un camion.

A Domenico Chiatto abbiamo chiesto se la sensazione che in questi ultimi mesi si registri una recrudescenza del fenomeno sia giusta

Sì, c'è un aumento degli infortuni mortali purtroppo nel nostro Paese, mentre diminuiscono le denunce degli Infortuni. Un dato sicuramente preoccupante che va in controtendenza rispetto a quello che avevamo registrato diversi anni fa

 Quali sono ancora oggi le cause principali alla base degli incidenti sul lavoro? Perché accadono ancora con tanta frequenza?

La prima causa è che spesso e purtroppo si disattendono le più elementari nozioni di sicurezza. Come negli infortuni di questi giorni dove abbiamo assistito a due casi nella Provincia di Modena di cadute dall'alto. Ormai è quasi un cliché che si ripete ogni anno, nonostante i protocolli, nonostante tutte le strumentazioni tecniche utilizzabili. C’è poi un altro elemento più complessivo che è la frammentazione dei cicli di lavoro, della filiera di lavoro, quindi con diverse ditte che intervengono magari in uno stesso appalto. Poi c'è il tema fondamentale che è quello della formazione dei lavoratori. Noi aspettiamo di sapere se in questi ultimi infortuni, sono state attivate le corrette impostazioni informative e formative. Questi sono i tre elementi che, secondo noi, sono alla base dei problemi che stiamo affrontando

Ma c’è un altro dato che spesso non emerge

E’ vero,  quello relativo agli incidenti che avvengono in itinere. I dati li danno in aumento e sono quelli ‘da’ e ‘per’ il lavoro. Sono molto preoccupanti anche i dati relativi agli infortuni all'interno dell'orario di lavoro, ma sempre nel corso di spostamenti. Una delle cause è la frammentazione, come si diceva prima, dei cicli di lavoro. Un lavoratore magari fa servizi su due, a volte anche tre cantieri, un bancario serve una, due o anche tre filiali. E questi infortuni non sono censibili nel modo ordinario perché hanno caratteristiche diverse. I colleghi bancari hanno effettuato un'analisi sugli infortuni in itinere che a me ha colpito perché, contrariamente a quanto si potrebbe immaginare, questi avvengono al mattino, anziché la sera, magari a causa di un comprensibile affaticamento. La mattina c’è frenesia, una fretta, una concitazione di tempi, una compressione che purtroppo spesso portano a distrazioni alla guida

Dopo tutto questo, cosa si potrebbe fare di più, ancora?

Innanzitutto credo che ci voglia un cambio di passo. Il tema della sicurezza deve diventare una priorità assoluta, sia in termini di formazione che in termini di investimento e soprattutto credo che ci vogliano maggiori controlli, non solo da parte degli enti ispettivi ovviamente (che sono importantissimi), ma soprattutto da parte della committenza, cioè colui che incarica una ditta di eseguire il lavoro. Lei deve prevedere, garantire e pretendere sicurezza, pena la rescissione immediata dei contratti. E’ chiaro che se il tema è solo il costo più vantaggioso e non invece le rispetto delle norme, la situazione non potrà migliorare

Patrizia Santini

 

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Lunedì 9 dicembre al PalaPanini torna la Partita della Stella
05 Dec 2019 - 16:08
Tanti campioni si mettono in gioco per aiutare Caritas Baby Hospital di Betlemme. Ingresso a offerta libera ...

Volley: stasera si gioca al Palapanini
13 Nov 2019 - 09:19
Appuntamento alle 20.30 contro Latina ...

A Modena tutto pronto per Skipass
29 Oct 2019 - 14:40
Il Salone del Turismo e degli Sport invernali più longevo d’Italia torna a ModenaFiere dal 31 ottobre al 3 novembre 2...

Si gioca Modena-Reggiana, divieti di sosta in zona stadio
26 Oct 2019 - 09:29
Domenica 27 ottobre, dalle 7, anche rimozioni per l’allestimento delle protezioni di sicurezza. I limiti alla circolazione i...

La Bocciofila Villa D'Oro diventa uno Skatepark
23 Oct 2019 - 08:33
Inaugurato il nuovo impianto in via del Lancillotto, dedicato a skate e BMX: è il più grande Skatepark indoor dell&#...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy