Venerdì 25 Settembre 2020 - 10:01
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca “Ogni volta che piove restiamo senza corrente”

“Ogni volta che piove restiamo senza corrente”

Nella frazione di Gaggio di Castelfranco Emilia in via Buonvino sono senza corrente elettrica e la situazione è particolarmente critica. “Il problema fondamentale di questo Paese è che nessuno è più responsabile” commenta Federico dell’azienda agricola La Centuria.

Lascia un commento | Tempo di lettura 110 secondi Modena - 04 Aug 2020 - 10:58

Ancora un nubifragio a Modena. Ieri si sono allagate strade, sottopassaggi, garage e due reparti del Policlinico di Modena: Radioterapia e Radiologia le cui attività sono già state ripristinate a tempo di record sospese ieri pomeriggio a seguito dell’allagamento provocato dalla bomba d’acqua che si è abbattuta su Modena. Ripuliti già nella serata di ieri tutti i locali che erano allagati e sporchi di fanghiglia. Dopo i collaudi del caso, stamattina tutte le apparecchiature spente ieri erano già in funzione e già oggi è iniziato il recupero delle prestazioni rinviate.

Danni per oltre cento mila euro alla Smurfit Kappa di Camposanto. Dopo la tempesta di sabato notte, altre raffiche di vento hanno fatto cadere tetti alberi e antenne. In due giorni sono stati più di duecento gli interventi dei vigili del fuoco.

Nella frazione di Gaggio di Castelfranco in via Buonvino sono senza corrente elettrica e la situazione è particolarmente critica. Al microfono la testimonianza di Federico dell’azienda agricola La Centuria

“Noi abbiamo cinque cavalli avevamo anche trenta pecore ma ovviamente ce le hanno rubate. I cinque cavalli sono rimasti e bisogna abbeverarli con la pompa che senza corrente elettrica è ferma, i cancelli elettrici e i congelatori non funzionano più ma il problema è che tutte le volte che piove noi siamo senza corrente quindi manca la manutenzione è quello il problema di fondo”.

 

Enel vi ha dato qualche risposta?

 

“Assolutamente no. Ci abbiamo messo quattro anni per metterci in contatto con Enel e ci hanno detto che le spese sono a nostro carico. Infatti noi ci siamo accollati le spese per le potature; avevamo anche chiesto che venissero ricoperti i fili ma Enel è fuggitivi, come al solito succede in questi enti. Il problema fondamentale di questo Paese è che nessuno è più responsabile”.

 

 

 

 

 

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Da ottobre più tifosi negli stadi
23 Sep 2020 - 09:31
Il provvedimento varrà per tutti gli impianti sportivi ...

Al Palapanini torna il pubblico ma la Leo Shoes deve lasciare il passo a Perugia
21 Sep 2020 - 09:15
Tifosi anche al Mapei Stadium ma il Sassuolo non va oltre il pareggio ...

Calcio: Bonaccini riapre gli stadi
19 Sep 2020 - 10:42
Da domani 1000 tifosi potranno assistere di nuovo alle partite dal vivo ...

Volley, semifinale di Supercoppa il 20 Settembre: chi potrà accedere al PalaPanini?
11 Sep 2020 - 10:39
Ecco tutte le indicazioni dalla società  ...

F1: nel 2021 Vettel correrà con la Aston Martin
10 Sep 2020 - 10:07
Ora Racing Point, la scuderia cambierà nome dal prossimo anno ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy