Mercoledì 02 Dec 2020 - 13:14
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca L'Emilia Romagna entra tra le regioni già nello scenario 4, il più grave

L'Emilia Romagna entra tra le regioni già nello scenario 4, il più grave

"Il sistema sanitario regge, ma il quadro peggiora" le parole di Raffaele Donini nella conferenza stampa del venerdì.

Lascia un commento | Tempo di lettura 333 secondi Modena - 30 Oct 2020 - 18:20
A fare il punto sull’andamento dei contagi da Covid 19 da Piacenza a Rimini, è stato l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, intervenuto dall’Ospedale Maggiore di Bologna insieme al dottor Giovanni Gordini, direttore del Dipartimento Emergenza dell’Ausl di Bologna. “In venti giorni i numeri dei ricoveri si sono quintuplicati. Gli ospedali - ha dichiarato Donini - stanno reggendo ma con un carico di lavoro, fatica e apprensione sempre maggiore”.
 
“Il servizio sanitario non è ancora con le spalle al muro ma la situazione è peggiorata”
 
Sono 1.763 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore nella nostra Regione. A fare il punto sull’andamento dei contagi da Covid 19 da Piacenza a Rimini, è stato l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, intervenuto dall’Ospedale Maggiore di Bologna insieme al dottor Giovanni Gordini, direttore del Dipartimento Emergenza dell’Ausl di Bologna. 
Il 10 ottobre in Regione avevamo 241 ricoveri nei reparti internistici e 16 in Terapia intensiva, dieci giorni dopo i numeri erano 531 e 78. Oggi i pazienti ricoverati hanno raggiunto quota 1.157 mentre sono 119 quelli in Intensiva. “In venti giorni questi numeri si sono quintuplicati. Gli ospedali - ha dichiarato Donini - stanno reggendo ma con un carico di lavoro, fatica e apprensione sempre maggiore. Per questo motivo abbiamo stipulato un accordo con la sanità privata accreditata per avere più letti e alleggerire così le strutture ospedaliere pubbliche. Attivato anche un tavolo tecnico coi medici di medicina generale per dare applicazione all’accordo tra Governo e sindacati, affinchè possano svolgere il tampone rapido: un aiuto importante nell’azione di contact tracing. I tamponi rapidi - che rilevano l’antigene e in pochi minuti possono dare un’indicazione di positività - sono in arrivo nella prima decade di novembre”.
Un’azione quella del tracciamento che, ammette l’assessore regionale, “in alcuni casi è stata caratterizzata da criticità e ritardi ma, lo ricordo, siamo tra le poche regioni che stanno continuando a fare il contact tracing tanto che più della metà dei nuovi casi di contagio è asintomatica”.
La popolazione scolastica positiva ad oggi ammonta a 2.162 unità e Donini invita “i ragazzi a indossare la mascherina al banco anche se tale misura non è ancora obbligatoria”.
La nuova ondata che sta investendo in modo impetuoso l’Italia e non risparmia nemmeno l’Emilia Romagna, prosegue l’assessore regionale, è tornata a bussare alle porte delle case residenza anziani: “sono 25 i focolai nelle Cra e le strutture con almeno un caso sono 69. Gli ospiti positivi con malattia in corso sono 616. Per noi è massima allerta. E’ necessario intervenire tempestivamente: le Ausl stanno aiutando i gestori a isolare i positivi e a farsi carico delle operazioni di confinamento per circoscrivere rapidamente i focolai. E’ importante tenere la guardia altissima perchè quando il virus entra in questi luoghi i danni sono molto ingenti”.
Non esiste il rischio zero, conclude Donini, “ma esistono comportamenti che abbassano la possibilità di essere contagiati: uso corretto della mascherina, distanziamento e igienizzazione delle mani”.
“Stiamo vivendo un momento critico - ha sottolineato il dottor Gordini - e l’obiettivo dei cittadini dev’essere quello di non ricorrere all’ospedale, attraverso l’adozione di comportamenti responsabili. Noi siamo solo l’ultimo passaggio. In tutti c’è stanchezza, nei cittadini e negli operatori. Il servizio sanitario non è ancora con le spalle al muro ma la situazione è peggiorata e vari pazienti presentano quadri critici. L’età è meno avanzata rispetto a questa primavera e anche questo costituisce un elemento di preoccupazione. Il sistema sanitario resiste, ce la mette tutta, ma le curve dei contagi e delle ospedalizzazioni ci dicono che situazione sta degenerando e c’è apprensione. Tutti dobbiamo essere preoccupati, soprattutto coloro che vivono nelle città. Ricordiamoci sempre che i giusti comportamenti individuali possono mettere in salvo voi e le strutture ospedaliere le quali devono poter continuare a essere al servizio di tutti”.
 
Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
A Modena i campionati italiani assoluti di mezzofondo
14 Oct 2020 - 14:50
Sabato 17 e domenica 18 ottobre, al Campo comunale di atletica la Festa dell’Endurance organizzata dalla Fratellanza, con ol...

Il Braglia riapre ai tifosi
03 Oct 2020 - 10:28
800 i biglietti in vendita per il match di domani ...

Da ottobre più tifosi negli stadi
23 Sep 2020 - 09:31
Il provvedimento varrà per tutti gli impianti sportivi ...

Al Palapanini torna il pubblico ma la Leo Shoes deve lasciare il passo a Perugia
21 Sep 2020 - 09:15
Tifosi anche al Mapei Stadium ma il Sassuolo non va oltre il pareggio ...

Calcio: Bonaccini riapre gli stadi
19 Sep 2020 - 10:42
Da domani 1000 tifosi potranno assistere di nuovo alle partite dal vivo ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy