Mercoledì 02 Dec 2020 - 14:03
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca Un Pronto soccorso più ampio e funzionale per l’Ospedale di Vignola

Un Pronto soccorso più ampio e funzionale per l’Ospedale di Vignola

Avviati ieri i lavori, coprogettazione insieme agli operatori

Lascia un commento | Tempo di lettura 283 secondi Modena - 17 Nov 2020 - 15:07

Il valore complessivo dell’investimento, di oltre un milione 300mila euro, prevede sia la fase di lavori, che l’allestimento di attrezzature elettromedicali, arredi e tecnologie informatiche. Grazie a questo intervento sarà possibile disporre di spazi più ampi, tali da consentire la presa in carico del crescente numero di cittadini che vi si rivolgono, oltre al distanziamento sia in fase di attesa che di visita, e locali da adibire all’isolamento dei casi sospetti. L’emergenza covid, infatti, ha comportato una modifica sia della modalità organizzativa sia della logistica del Pronto Soccorso dell’Ospedale finalizzate a garantire qualità e sicurezza dell’assistenza. Durante le fasi 1 e 2 della pandemia, per mantenere la separazione dei percorsi sospetti e non sospetti covid, sono state effettuate modifiche logistiche e posizionate tecnostrutture esterne con funzione di pre-triage, attesa pazienti sospetti covid, inquadramento diagnostico e terapeutico sospetti covid. È stata inoltre allestita all’interno della camera calda una diagnostica radiologica dedicata all’esecuzione delle radiografie del torace per pazienti con sospetto covid. Tutto ciò ha consentito di garantire l’assistenza in emergenza durante la pandemia e, proprio dall’analisi delle potenzialità e criticità emerse in quella fase, è nato il progetto presentato e ora in corso di realizzazione. Il progetto è frutto della co-costruzione insieme agli operatori stessi, che hanno contribuito con le proprie valutazioni e idee e con l’esperienza quotidiana, per conseguire un miglioramento dell’assistenza offerta ai cittadini.

Le aree interessate

Non tutte le aree del Pronto Soccorso saranno interessate dagli interventi strutturali, mentre la tecnostruttura esterna con attività di PS COVID, posizionata in emergenza ad aprile, rimane attiva e, seppure anch’essa non oggetto di intervento, sarà inclusa all’interno del progetto, come parte integrante del Pronto Soccorso, attraverso lavori che si svolgeranno nella parte esterna. Il progetto coinvolgerà invece le aree di accesso e camera calda, l’attesa, la Diagnostica radiologica, il Triage e il locale attrezzature-depositi. In particolare, verranno realizzate un’unica rampa di accesso e una nuova camera calda le cui dimensioni garantiranno le operazioni con i pazienti e l’esecuzione delle manovre dei mezzi di soccorso con maggior sicurezza. Un collegamento diretto fra camera calda e ambulatorio emergenze consentirà di ridurre i tempi di trattamento dei pazienti critici dall’ambulanza alla sala emergenza interna al Pronto Soccorso. I pazienti non critici accederanno direttamente dalla camera calda all’ingresso del pronto soccorso dopo intervista tramite videocitofono per valutare già prima dell’ingresso eventuali casi sospetti. Sono state inoltre previste due rampe di accesso pedonali.  L’intervento sulla camera calda prevedrà un unico locale di ampie dimensioni con più funzioni, mentre l’attuale triage e sala di attesa saranno oggetto della terza fase di intervento con la realizzazione di astanteria e un’area lavoro infermieri/coordinatore per il monitoraggio dei pazienti in attesa. I lavori impatteranno in parte sulla viabilità e sui parcheggi intorno all’Ospedale, con la modifica dell’accesso al PS che sarà presso il porticato alla sinistra dell’ingresso principale della struttura, attraverso la porta appositamente segnalata. Anche i parcheggi sono stati rimodulati, con la definizione di spazi riservati ai cittadini che accedono in emergenza. 

Dati di attività

Il Pronto Soccorso (PS) dell’Ospedale di Vignola ha effettuato 24.698 accessi nel 2019, dato in lieve aumento (+2.29%) rispetto all’anno precedente. Nel periodo che va dal 16 marzo al 31 luglio 2020, picco della prima ondata epidemica di covid-19, ha registrato 6.024 accessi di cui 469 sospetti covid. Il numero medio di accessi giornalieri per sospetto covid in questo periodo è stato di 3.4 persone, il massimo degli accessi si è registrato nei mesi di marzo (28% di pazienti covid sul totale) e aprile (20%).

 

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
A Modena i campionati italiani assoluti di mezzofondo
14 Oct 2020 - 14:50
Sabato 17 e domenica 18 ottobre, al Campo comunale di atletica la Festa dell’Endurance organizzata dalla Fratellanza, con ol...

Il Braglia riapre ai tifosi
03 Oct 2020 - 10:28
800 i biglietti in vendita per il match di domani ...

Da ottobre più tifosi negli stadi
23 Sep 2020 - 09:31
Il provvedimento varrà per tutti gli impianti sportivi ...

Al Palapanini torna il pubblico ma la Leo Shoes deve lasciare il passo a Perugia
21 Sep 2020 - 09:15
Tifosi anche al Mapei Stadium ma il Sassuolo non va oltre il pareggio ...

Calcio: Bonaccini riapre gli stadi
19 Sep 2020 - 10:42
Da domani 1000 tifosi potranno assistere di nuovo alle partite dal vivo ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy