Giovedì 21 Gennaio 2021 - 20:55
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cronaca Usura ed estorsione, preoccupa l’aumento dei casi

Usura ed estorsione, preoccupa l’aumento dei casi

Arrestato ieri un 49enne in flagranza di reato

Lascia un commento | Tempo di lettura 255 secondi Modena - 08 Jan 2021 - 10:17

E’ di ieri la notizia dell’arresto in flagranza di reato di Andrea Rao, 49enne domiciliato a Maranello già noto alle forze dell’ordine, nel corso di attività investigativa per i reati di usura ed estorsione.

L’attività dell’Arma dei Carabinieri di Modena, coordinata dalla Procura della Repubblica, muove dall’esigenza di contrastare uno dei più insidiosi fenomeni criminali, quale quello dell’usura e delle estorsioni, che colpisce tutti i settori dell’imprenditoria nonché i singoli cittadini, danneggiando l’economia legale, in questo periodo già messa particolarmente sotto sforzo dai pur necessari provvedimenti di contenimento della pandemia. Ne parliamo con il Comandante provinciale dei Carabinieri di Modena, il Colonnello Marco Pucciatti.

“Quello di ieri è un arresto importante che fa luce su fenomeni purtroppo in aumento in questo periodo di crisi, l’usura e l’estorsione”

L’attività che è stata portata a termine dall’Arma dei Carabinieri di Modena e di Sassuolo in particolare, coordinata dalla Procura di Modena, permette di fare luce su questo episodio, che evidenzia quanto l’inserimento della criminalità nel circuito economico e commerciale artigianale ed imprenditoriale della provincia non sia soltanto un’ipotesi. Sono tanti i player che si muovono in questo campo e l’Arma dei Carabinieri è al loro fianco: la Prefettura, le associazioni antiracket e antiusura, istituzioni cittadine, le altre forze di Polizia e la Procura. Il fenomeno sicuramente esiste ed è importantissima la denuncia della vittima contro l’estorsore o l’usuraio, perché, oltre a innescare la procedura investigativa di contrasto, permette di aprire alla vittima una serie di opportunità che, tramite la prefettura di Modena, sono percorribili per poi ottenere l’accesso a dei fondi specifici - come ad esempio il fondo di solidarietà - che permettono all’imprenditore di tornare nel circuito legale, di riproporsi con una solidità economica diversa e di ristabilire quell’equilibrio che era stato turbato nella libera concorrenza.”

“Le persone che si rivolgono a usurai ed estorsori non sono solo imprenditori, ma anche operai e padri di famiglia”

Sì, quello che noi abbiamo notato e che stiamo analizzando insieme agli altri organi investigativi della Provincia, alla Procura e alla Prefettura è che sicuramente la pandemia ha creato un’ulteriore esigenza di inserimento di economia e di denaro nel circuito imprenditoriale. Laddove un sostegno è venuto meno, questo può aver dato la possibilità a queste figure criminali di innescarsi ed inserirsi nel circuito economico, aprendo nuove opportunità di welfare criminale. Noi sappiamo benissimo quali sono i settori dove queste persone vanno a inserirsi, riusciamo a monitorarle; la tensione è altissima e gli strumenti investigativi che ci vengono permessi oggi dal quadro tecnologico ci permettono di mantenerci sempre molto all’erta. In questo caso specifico, abbiamo arrestato un 49enne con già precedenti importanti. Le vittime accertate sono un imprenditore edile e un operaio, a dimostrazione della trasversalità del fenomeno e di come tutti quanti, soprattutto in questo momento, devono essere informati dell’opportunità che la denuncia può aprire loro. Noi siamo qui a disposizione, anche per conto della Prefettura, con appositi sportelli e appositi canali che permettono di arrivare al Commissario straordinario antirackert e antiusura, che è il principale player nel settore e rappresenta il Ministero dell’Interno.”

“Bisogna ricordare che se si chiede una certa cifra si può arrivare a dover pagare molto di più”

Tutto questo dipende dagli accordi tra le parti. E gli accordi purtroppo vedono sempre uno sbilanciamento dell’equilibrio contrattuale a favore della figura criminale. In questo caso specifico, abbiamo accertato la possibilità di interessi talmente alti da essere al di sopra di qualunque altra nostra precedente esperienza investigativa. A fronte di un prestito di 30mila euro erano stati consegnati oltre 100mila nell’arco di 18 mesi con rate mensili. Stiamo ancora calcolando quello che può essere stato effettivamente il tasso usuraio applicato in base ai documenti contabili che abbiamo rinvenuto.”

 

Giada Chiari

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Formula Uno: torna il Gran Premio di Imola, sarà il 18 aprile 2021 all'Autodromo 'Enzo e Dino Ferrari'
12 Jan 2021 - 14:34
La stagione non partirà più come di consueto dal Gp d'Australia, ma dal Bahrein il 28 marzo ...

A San Geminiano la Corrida diventa virtuale e social
12 Jan 2021 - 14:44
La tradizionale gara podistica prenderà vita il 30 e 31 gennaio con le corse in solitaria degli appassionati fotografate e ...

Domani alle 15,45 amichevole in famiglia per Modena Volley
07 Jan 2021 - 16:42
La diretta su Facebook ...

Volley: Dragan Stankovic, “Dal match del 12 con Piacenza alzeremo il ritmo per la volata verso i Playoff e la Coppa Italia”
05 Jan 2021 - 15:28
Ad inizio anno Stankovic ha tracciato anche un bilancio dei primi mesi della stagione  ...

A Modena i campionati italiani assoluti di mezzofondo
14 Oct 2020 - 14:50
Sabato 17 e domenica 18 ottobre, al Campo comunale di atletica la Festa dell’Endurance organizzata dalla Fratellanza, con ol...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy