Mercoledì 19 Giugno 2019 - 15:54
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Reggio Emilia Cultura e arte Ritrovamento dente fossile di Pliosauro

Ritrovamento dente fossile di Pliosauro

Il fossile è stato datato a circa 90 milioni di anni fa

Lascia un commento | Tempo di lettura 305 secondi Reggio Emilia - 07 Mar 2019 - 12:18

Dopo il ritrovamento dell’Ittiosauro nel modenese, i geologi di Unimore riportano alla luce dalle colline reggiane un dente fossile di un grande rettile marino, il Pliosauro. Lo studio del reperto, rinvenuto grazie al signor Luca Bertolaso nei calanchi del Comune di Baisio, data il fossile a circa 90 milioni di anni fa. Il dente fossile sarà mostrato sabato 9 marzo a Baisio (RE) in occasione della presentazione del libro “Baiso: ambiente, storia e paesaggio di un territorio appenninico” curato dall'arch. Giuliano Cervi in collaborazione con la dott.ssa Giorgia Campana e il dott. Cesare Andrea Papazzoni di Unimore.

L’era dei Dinosauri torna a bussare alla porta dei ricercatori del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche di Unimore che riporta alla luce un dente fossile di un grande rettile marino, il Pliosauro, vissuto nel Cretaceo.

Si potrebbe definire l’Appennino modenese-reggiano un vero “Jurassic park” in quanto il ritrovamento è avvenuto nel Comune di Baisio in provincia di Reggio Emilia, mentre è di qualche settimana fa la scoperta dell’Ittiosauro a Pavullo nel Frignano, in provincia di Modena.

A trovare il dente fossile è stato il signor Luca Bertolaso che lo ha trovato in modo fortuito durante una escursione ai calanchi di Baiso ed ha immediatamente contattato i geologi di Unimore.

Nonostante la piccola dimensione del dente, si tratta di un ritrovamento eccezionale: questo è il secondo dente di pliosauro trovato nell’Appennino settentrionale ed il terzo fossile di un pliosauro del Cretaceo della stessa area. Un dente molto simile a quello di Baiso fu trovato negli anni ‘70 a Castelvecchio di Prignano (MO) ed un omero di pliosauro fu trovato a Zavattarello (PV) nei primi anni ’90.

La conoscenza della località esatta di ritrovamento ha permesso di campionare i sedimenti e, tramite lo studio dei microfossili da parte della dott.ssa Chiara Fioroni del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche, di datare con sufficiente precisione il dente di Baiso che risale a circa 90 milioni di anni fa.

Questo ritrovamento, anche se di un fossile frammentario e di modeste dimensioni, - afferma il dott. Cesare Andrea Papazzoni di Unimore- rappresenta l’ennesima conferma della presenza di un vasto mare che copriva in un lontano passato le aree oggi sollevate dall’orogenesi appenninica. Questo mare era popolato da grandi rettili, di dimensioni paragonabili o maggiori di quelle dei più noti dinosauri, che, invece, abitavano le terre emerse. Nonostante le difficili condizioni di conservazione dei resti fossili, sono ormai numerose le testimonianze che ci permettono di ricostruire almeno in parte un antico ecosistema, scomparso da oltre 66 milioni di anni. Le aree del modenese e del reggiano hanno restituito la maggior parte dei fossili di grandi rettili marini cretacei dell’Appennino settentrionale, dimostrando ancora una volta la rilevanza dei nostri territori per lo studio della storia della Terra”.

Il dente fossile del rettile marino sarà mostrato sabato 9 marzo 2019 alle ore 17.00 presso il Centro Culturale di Casa Toschi a Baiso in provincia di Reggio Emilia in occasione della presentazione del libro "Baiso: ambiente, storia e paesaggio di un territorio appenninico" curato dall'arch. Giuliano Cervi in collaborazione con la dott.ssa Giorgia Campana ed il dott. Cesare Andrea Papazzoni di Unimore ed è stato realizzato nell'ambito di una collaborazione con il Comune di Baiso e del Progetto Europeo MinLand, al quale partecipano anche la Regione Emilia-Romagna e la Provincia di Reggio Emilia.

Cosa erano i Pliosauri?

I pliosauri erano rettili adattati alla vita acquatica, con zampe trasformate in pinne, il corpo corto e schiacciato simile a quello di una tartaruga marina, ma senza il carapace, il collo corto ed una testa grande ed allungata. I loro parenti più stretti, i plesiosauri, avevano invece il collo molto lungo ed una testa piccola e corta. Le rappresentazioni fantasiose del cosiddetto Mostro di Loch Ness lo ritraggono come un plesiosauro.  I pliosauri vissero nei mari di tutto il mondo per oltre 130 milioni di anni, da circa 200 a circa 66 milioni di anni fa, e si estinsero contemporaneamente alla famosa estinzione dei dinosauri, alla fine del Cretaceo.

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Modena calcio: oggi presentato lo staff tecnico
19 Jun 2019 - 09:46
In sala stampa mister Zironelli, il dg Cesati ed il ds Salvatori ...

Abbonamenti Modena Volley, la prelazione chiude con l'ennesimo record
15 Jun 2019 - 12:18
Da martedì via alla vendita aperta a tutti ...

Modena Calcio, doppio ribaltone al vertice
03 Jun 2019 - 17:42
Romano Sghedoni al comando con l’80% delle quote societarie   ...

I canarini vincono il derby: ora si può sognare la C
27 May 2019 - 09:36
Finisce 4 a 1 tra Modena e Reggio Audace ...

Alla fine Zaytsev resta
23 May 2019 - 10:59
E’ stata la Lube Civitanova ad anticipare tutti comunicando di aver interrotto la trattativa con il giocatore della nazional...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy