Giovedì 23 Gennaio 2020 - 02:58
Cronaca Politica Economia Giudiziaria Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Musica e spettacoli Modena Park: il soundcheck di ieri è stato un vero e proprio spettacolo

Modena Park: il soundcheck di ieri è stato un vero e proprio spettacolo

La regia è perfetta, Vasco a 65 anni suonati è in formissima, chitarristi eccelsi si avvicendano in assoli e per domani si annunciano anche ospiti (si parla di Valentino Rossi, Fiorello, la Mannoia).

Lascia un commento | Tempo di lettura 136 secondi Modena - 30 Jun 2017 - 09:27

Le 'prove' di ieri sera sono state in realtà la data zero di quello che succederà sabato sul quel palco immenso, con schermi enormi che permetteranno di guardare Vasco negli occhi anche a chi, dal Pit 3, vedrà solo un puntino sul palco tra giochi di luce. Ci sono i 40 anni di Vasco con tante canzoni dei primi album che nei concerti più recenti non faceva più, quelle a cui chi ama Vasco dagli esordi è più legato: Ha aperto con Colpa d’Alfredo, poi Alibi, Vivere una favola, la Combriccola del Blasco. Gaetano Curreri suona il pianoforte in un accenno di Jenny e di Silvia poi Anima Fragile.  Chiude Albachiara. La regia è perfetta, Vasco a 65 anni suonati è in formissima, chitarristi eccelsi si avvicendano in assoli (Solieri, Burns, Pastano, Braido) e per domani si annunciano anche ospiti (si parla di Valentino Rossi, Fiorello, la Mannoia).

Ci si emoziona, si canta, si balla, si ripercorrono ricordi, magari quelli di un viaggio verso il mare coi finestrini abbassati cantando, di un amore, di un’estate, di una disillusione.

 Ma si fatica anche.

C’è da camminare tanto, il parco è grande e i parcheggi più vicini sono già esauriti con le prenotazioni, non ci sono taxi, navette, autobus, nulla. Il concerto dura quasi 4 ore.  I prezzi dentro il parco sono alti, sei euro una birra, sei euro una piadina, 2 euro la bottiglietta d’acqua, c’era fila anche se eravamo meno di ventimila e solo in zona PIT 1. Portatevi salviette umidificate o igienizzanti, mettete in conto bagni chimici con scarichi intasati, dopo le 23 serve anche una maglietta più pesante. E soprattutto mettete in conto di avere molta pazienza. Girare per Modena ora è come entrare in un labirinto senza sapere come e quando se ne uscirà. Le file a ingressi e casse c’erano ieri con meno di 20.000 persone; domani saremo 225mila. A fine concerto meglio non uscire subito e tutti insieme o sarà ingestibile. Sarà una giornata lunghissima. Ma credo valga la pena.

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
La nuova Ferrari sarà presentata a Reggio
22 Jan 2020 - 08:11
Appuntamento al Valli l'11 febbraio  ...

Leclerc ha rinnovato con la Ferrari
23 Dec 2019 - 11:43
In rosso fino al 2024 ...

Calcio: campionato di serie C fermo per sciopero
20 Dec 2019 - 09:29
Amichevoli in programma per Modena e Carpi ...

Riempite il campo del Palapanini di peluche!
18 Dec 2019 - 08:41
Questo l'invito di Modena Volley per il prossimo match. I pupazzi donati ai bimbi in ospedale ...

Serie C: salta il primo turno del girone di ritorno
17 Dec 2019 - 11:05
Lo annuncia un comunicato stampa della Lega Pro  ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy